Ice Lake: nuova generazione di processori Intel

Il segmento dei processori ha aspettato tanto tempo per mostrarci qualcosa di nuovo: la nuova generazione di processori Intel è stata posticipata molteplici volte dal 2016 e vede finalmente la luce nel 2019 con la decima generazione denominata Ice Lake.

Intel Ice Lake: Processori di nuova generazione

La decima generazione di processori Intel consiste nei tanto attesi Ice Lake che insieme alla famiglia Cannon Lake sono stati annunciati circa 3 anni fa. Intel ha confermato che processori core i3, core i5 e core i7 saranno presenti nella famiglia Ice Lake. Le prime versioni dei processori di decima generazione saranno destinati ad essere installati nei notebook per poi essere successivamente implementati nei PC con la commercializzazione del processore core i9, non prima del 2020. Inoltre è prevista l’implementazione in versione mobile dei nuovi processori di decima generazione, annunciati già più compatti dei loro concorrenti.


Caratteristiche dei  processori Intel Ice Lake

La famiglia denominata Intel Ice Lake è caratterizzata dal processo di produzione più miniaturizzato mai utilizzato da Intel, caratterizzato da transistor da 10 nanometri. Dentro i processori Intel Ice Lake sono presenti i nuovi core denominati Sunny Cove che incrementano la percentuale di IPC (Instruction per Clock) dal 15% al 18% rispetto alla generazione precedente.

Nonostante l’incremento delle performance, ottenuti grazie all’aumento delle frequenze di clock e alle novità architetturali, la fascia di consumo base di energia per i nuovi processori Intel Ice Lake rimane invariata. I primi processori Intel Ice Lake avranno un massimo di 4 core implementati e con l’opzione massima di gestione di 8 thread. La frequenza di clock potrà raggiungere un massimo di 4.1 GHz associata ad una cache complessiva di 8MB. I clock avranno un impiego più efficiente grazie all’utilizzo di Machine Learning che permette la gestione dinamica della frequenza. Il memory controller sarà quello utilizzato nei precedenti processori, ovvero il memory controller di tipo dual channel, che permette di gestire memorie LP4/x-3733. Inoltre sarà anche possibile la connettività Wi-Fi 6 integrata a livello di silicio rendendo più facile l’implementazione nei sistemi che adotteranno i nuovi processori.

 

GPU nei processori Ice Lake

L’aumento della gestione di memoria permette l’aumento di larghezza di banda, che migliora le prestazioni della GPU integrata.La GPU integrata potrà variare da un Intel UDH graphics per i processori con consumo basso di energia ad arrivare ad un Intel Iris Plus per le versioni con consumo più elevato. La GPU avrà una massima frequenza di clock di 1.1GHz e si possono integrare fino a 64 unità di esecuzione permettendo cosi di raggiungere una potenza di elaborazione di 1,12 TFLOPs con elaborazioni FP32 e 2,25 TFLOPs con FP16. Sono integrati 2 media encoder, capaci di gestire flussi video 4K60 10bit 4:4:4 oppure 8K30 10bit 4:2:0, mentre le 3 display pipelines possono gestire segnali video con risoluzione 5K sino a 60Hz di refresh oppure 4K con refresh di 120Hz.


 

Confronto prestazioni con processori di ottava Generazione

Facendo un confronto tra il processore Ice Lake con la GPU Iris Plus e un processore Intel di ottava generazione con una scheda grafica UHD 620 si nota la netta differenza nei FPS (frame per secondo) resa possibile grazie alle tante unità di esecuzione e ai controller di memoria che permettono l’uso di una larghezza di banda più elevata. Sarà interessante poter verificare queste prestazioni promettenti nei computer portatili dando la possibilità di utilizzarli per attività che li mettono alla prova come rendering ed elaborazioni su ampi basi di dati.

Se ti interessa questo articolo vorrai leggere anche NVIDIA nuova Serie 16: confronto con Serie 20.

Lascia un commento