Deepfake il nuovo software di video falsi

La creazione di video e audio da parte di intelligenze artificiali non è una novità. Samsung è riuscita a far evolvere questa tecnologia potendo creare un DeepFake in grado di simulare l’animazione della Gioconda prendendo spunto dal suo singolo ritratto.

Cos’è Deepfake?

Deepfake è una nuova tecnologia che riesce ad animare la faccia di una persona prendendo spundo da delle sue  foto. In modo che il video sembri realistico l’intelligenza artificiale  necessita di più foto possibili del viso della persona e anche di studi sui movimenti facciali fatti su persone diverse. Prendendo spunto dai movimenti facciali ottenuti l’AI va a simulare questi movimenti sul viso della persona che si cerca di animare rendendo l’animazione molto realistica. Il processo può essere svolto anche con una singola foto della persona però questo rende le animazioni meno realistiche.

Cambiamenti dagli anni precedenti

Il deepfake non è una tecnologia cosi innovativa, esisteva da alcuni anni ma è migliorata con il passare del tempo. Alcuni anni fa la quantità di dati necessari per l’animazione di una persona che parlava era molto alta. Invece adesso questa quantità di dati si è molto ridotta. Ma perché questo?  Perché le intelligenze artificiali usati per i video DeepFake stanno migliorando sempre di più. E con i loro miglioramenti la capacità e qualità delle analisi facciali diventano molto efficaci.

Ci sono punti deboli?

Questa tecnologia è molto sofisticata però la qualità del video DeepFake generate dipende dalla quantità di dati disponibili. E il problema sta nel procurarsi questi dati. Le persone passano la maggior parte del loro tempo con gli occhi aperti e nel caso ci fosse una foto di loro con gli occhi chiusi non sarebbe desiderata. Quindi la quantità di foto di persone con gli occhi chiusi è molto limitata quindi l’intelligenza artificiale non può generare un DeepFake video di una persona che chiude gli occhi. In questo modo possiamo notare i video dove le persone hanno un comportamento ambiguo non chiudendo mai gli occhi potendo capire cosi che è un video falso. Però esiste anche un intelligenza artificiale creata da Siwei Lyu dell’università di Albaby che riconosce gli occhi delle persone nei video per poi determinare se questi si chiudono oppure no riconoscendo cosi se un video è un DeepFake.

 

Come si evolverà questa tecnologia?

Questa tecnologia ormai si sta evolvendo con un passo molto veloce ed è sicuro che riuscirà a risolvere questa falla temporanea. Ma utilizzando la stessa tecnologia anche l’intelligenza artificiale per riconoscere i DeepFake video andrà a pari passo rendendolo una sfida su chi avrà la meglio, il truffatore oppure il detective?

 

Se ti è piaciuto quest’articolo guarda anche Riconoscimento facciale: la stampa 3D inganna lo smartphone?