Mercedes: ricambi per auto d’epoca stampati in 3D

Da un paio di anni il legame tra veicoli a quattro ruote e procedimenti di stampa 3D è sempre più stretto. Ciò è dovuto a vantaggi nella produzione, in particolare per quanto riguarda i ricambi per auto d’epoca. Analizziamo cosa cambia nel caso di Mercedes, che ha compreso per prima il giro d’affari che può derivare da questo business.

Mercedes e la stampa 3D

Unimog, modelli

Mercedes è stata una delle prime aziende ad utilizzare la stampa 3D nel suo ciclo produttivo. La casa automobilistica ha introdotto nel 2017 il suo primo pezzo di serie stampato in 3D: si tratta di un coperchio da termostato per camion Mercedes e per modelli Unimog, non più in produzione da 15 anni. Il pezzo ha superato tutti i test qualitativi Mercedes, raggiungendo lo stesso standard di qualità dei componenti sviluppati con tecniche tradizionali. Viene realizzato in alluminio e prodotto con la tecnica Selective Laser Melting, che utilizza il laser per fondere aree specifiche di un letto di polvere di alluminio, il quale si rigenera sul posto gradualmente costruendo l’oggetto strato per strato. Occorrerà ancora del tempo alla Mercedes ed al comparto automobilistico prima di produrre in serie auto stampate interamente in 3D. Al momento l’ambito maggiormente interessato da questo tipo di produzione è quello dei ricambi, in particolare per quanto riguarda i pezzi storici.

Mercedes e la stampa 3d dei ricambi auto per i modelli storici

Mercedes 300 SL
Mercedes 300 SL

Nel settore dei ricambi per veicoli storici Mercedes fa il suo debutto la tecnica di produzione additiva Power Bed. Il processo, grazie ad uno o più raggi laser, crea la geometria del componente che si desidera mediante sinterizzazione e fusione, sciogliendo e fondendo selettivamente piccole particelle di polvere. In questo modo è possibile lavorare materiali diversi, come materie plastiche e metalli. Sono in arrivo sul mercato vari ricambi per alcuni modelli di Mercedes d’epoca.

A breve saranno disponibili l’asta di supporto dello specchio retrovisore interno, il porta candele e il kit attrezzi per la Mercedes 300SL. La vettura, soprannominata “ali di gabbiano”, venne prodotta dal 1954 al 1957 come coupè e dal 1957 al 1963 come roadster. Per le serie Mercedes W110 (1961-1968), che gli appassionati di auto storiche definiscono “codine”, per le Mercedes W111,  W112 (1959-1971) e W123 (1976-1985) ritornano sul mercato i rulli a scorrimento per il tetto apribile. La gamma delle parti di ricambio disponibili è destinata a crescere: dai componenti del motore, dalle guarnizioni in plastica, e da piccole parti in gomma, ai gruppi di raffreddamento, fino ad elementi destinati a cambi, assali e autotelai. Tutte le parti di ricambio stampate soddisfano i criteri di alta qualità del marchio Mercedes e corrispondono alla parte originale in tutte le sue proprietà. La tecnologia di produzione digitale all’avanguardia contribuisce a mantenere i classici del marchio secondo le specifiche tradizionali.

Mercedes e i materiali di stampa 3D

Mercedes W111
Mercedes modello W111

I componenti Mercedes in metallo stampati possiedono eccellente resistenza ai carichi di lavoro e al calore. Si distinguono per una densità pari ed una purezza maggiore rispetto ai componenti convenzionali in alluminio stampati a iniezione. Il processo di stampa 3D non solo assicura buone caratteristiche dei materiali utilizzati, ma evita anche costi di sviluppo elevati e l’impiego di attrezzature speciali. Significativi vantaggi si riscontrano anche in termini di logistica e di tempi d’attesa dei ricambi da parte dei clienti. Lutilizzo della stampa 3D contribuirà sempre di più al mercato delle auto classiche, in cui i componenti più vecchi possono essere particolarmente difficili da ottenere o da produrre mediante metodi tradizionali. Ciò offre ai clienti Merceds-Benz pezzi di ricambio disponibili rapidamente e a prezzi convenienti, anche  dopo anni dalla cessata produzione di un modello.

Le applicazioni della stampa 3D coinvolgono ogni ambito della nostra vita, dall’arricchimento della visita ad un museo alle decorazioni natalizie stampate in 3d , passando per le biciclette stampate in 3D.