Stirature da ritrazione nella stampa 3D

stampa-3d-facile-modelli-estrusore-filamento-design-problemi-guida-otturazione-plastica-stampante-simplify3d-ritrazione-stirature-ragnatele-ugello-velocita-1

Le stirature da ritrazione nella stampa 3D (altrimenti note come baffi o stampe “pelose”) si verificano quando piccole stringhe di plastica, somiglianti ad una ragnatela, vengono rilasciate su un oggetto stampato in 3D.

Questo fenomeno è dovuto alla fuoriuscita del filamento di plastica dall’ugello mentre l’estrusore si sta spostando in una nuova posizione.

Per fortuna puoi sistemare il problema grazie a diverse impostazioni in Simplify3D. L’impostazione più comune utilizzata per combattere queste colature è nota come Retraction. Se la ritrazione è abilitata, quando l’estrusore ha finito di stampare una sezione dell’oggetto 3D, il filamento verrà tirato all’indietro per evitare la colatura. Per attivare la ritrazione fai clic su Edit Process Settings e vai nella Tab Extruder. Assicurati che l’opzione sia abilitata per ciascuno dei tuoi estrusori.

Distanza di ritrazione

L’impostazione di ritrazione più importante è la Retraction Distance. Per farti capire: maggiore è la plastica che viene ritirata all’interno dell’ugello, meno è probabile la trasudazione durante lo spostamento. La maggior parte degli estrusori a trasmissione diretta richiede solo una distanza di ritrazione di 0.5 – 2.0 mm, mentre alcuni estrusori Bowden possono richiedere una distanza di ritrazione di 15 mm. Se riscontri quindi dei filamenti di ritrazione, ti consiglio di modificare la distanza di ritrazione aumentandola di 1mm e riprovare a fare la stampa 3D del tuo oggetto.


Velocità di ritrazione

Un’altra impostazione che devi tenere d’occhio è la Retraction Speed. Determina la velocità di ritrazione del filamento all’interno dell’ugello. Se si ritrae ad una velocità troppo scarsa, la plastica penetra lentamente attraverso l’ugello che quindi potrebbe iniziare a perdere prima che l’estrusore abbia finito di spostarsi nella nuova destinazione. Al contrario, se si ritrae troppo rapidamente, il filamento potrebbe separarsi dalla plastica calda all’interno dell’ugello, oppure il rapido movimento della trasmissione può persino eliminare pezzi del filamento. Il settaggio che ti consiglio varia tra i 1200-6000 mm/min (20-100 mm/s): in questo intervallo la ritrazione ha le prestazioni migliori. Fortunatamente, Simplify3D ti fornisce già molti profili preconfigurati che rappresentano un ottimo punto di partenza per farti capire quale velocità di ritrazione funzioni meglio. Ricorda però che il valore ideale può variare a seconda del materiale che stai utilizzando, quindi potresti aver bisogno di sperimentare per vedere se il risultato della tua stampa 3D migliora in base alle diverse velocità impostate.

La temperatura è troppo alta

Se hai già controllato le impostazioni di retrazione senza aver risolto il problema delle stirature, ti consiglio di dare un’occhiata alla temperatura dell’estrusore. Se la temperatura è troppo alta, la plastica all’interno dell’ugello diventerà meno viscosa e fuoriuscirà più facilmente. Ricorda anche però che, al contrario, se la temperatura è troppo bassa, la plastica sarà ancora semi-solida e avrà difficoltà a estrudersi dall’ugello. Quindi prova a ridurre la temperatura dell’estrusore di 5-10 gradi: questo piccolo cambiamento può avere un impatto significativo sulla qualità finale della tua stampa 3D. Puoi regolare queste impostazioni facendo clic su Edit Process Settings e selezionando la Tab Temperature. Seleziona il tuo estrusore dall’elenco a sinistra, quindi fai doppio clic sul setpoint della temperatura che desideri modificare.

Lunghi movimenti su spazi aperti

Le stirature si verificano quando l’estrusore si muove tra due diverse posizioni e, durante tale spostamento, la plastica inizia a fuoriuscire dall’ugello. Tieni presente che la lunghezza di questo movimento può avere un grande impatto sulla quantità del filamento che fuoriesce. Brevi tratti dell’estrusore possono risultare abbastanza veloci in modo tale che la plastica non ha il tempo materiale di fuoriuscire dall’ugello. Tuttavia i movimenti lunghi hanno molte più probabilità di dare luogo al fenomeno delle ragnatele di plastica. Simplify3D include una funzionalità estremamente utile che ti può aiutare a minimizzare la lunghezza di questi movimenti. Il software è abbastanza intelligente da poter regolare automaticamente il percorso di viaggio dell’estrusore per assicurarsi che l’ugello segua la distanza più breve possibile da percorrere su uno spazio aperto. Il software ti aiuta, in quanto è in grado di trovare un percorso di viaggio che eviti all’estrusore di attraversare uno spazio aperto troppo ampio. Questo implica che non si vanno a creare ulteriori striature, perché l’ugello viaggerà sempre sopra i layer di plastica solida e non si sposterà mai all’esterno del percorso. Per utilizzare questa funzione, fai clic sulla Tab Advanced e attiva l’opzione Avoid crossing outline for travel movement.


Velocità di movimento

Infine, un altro parametro fondamentale che potresti aver bisogno di regolare, è la velocità di movimento dell’estrusore. Aumentandola riduci la quantità di tempo in cui l’estrusore resta in viaggio, quindi vai a ridurre di fatto la possibilità di fuoriuscita del filamento di plastica. Puoi verificare quali velocità di movimento sta utilizzando la tua stampante 3D facendo clic sulla Tab Speed dei Process Settings. Il parametro X/Y Axis Movement Speed rappresenta la velocità di spostamento da lato a lato: il valore è direttamente correlato alla quantità di tempo che il tuo estrusore spende per spostarsi nello spazio. Se la tua stampante 3D è in grado di gestire lo spostamento dell’estrusore a velocità più elevate, potrai notare un miglioramento nella formazione delle stirature di ritrazione.

Sergio Pinto

Amo la tecnologia più o meno da quando ho iniziato a parlare. Credo che la stampa 3d possa migliorare la vita delle persone facilitando progresso e benessere grazie alla possibilità di poter produrre ovunque spostando i progetti con un click. Ho fondato Geofelix, web agency a Pavia.

Sergio Pinto has 15 posts and counting. See all posts by Sergio Pinto

Lascia un commento