L’automazione additiva, la stampa 3D con metallo e altre novità per il 2019

automazione-additiva-stampa-3d-metallo-2019-2

3D Printing Industries ha intervistato alcuni AD e leader nel settore manifatturiero, chiedendo loro previsioni per l’anno nuovo riguardo le potenzialità della stampa 3D e della stampa additiva.

Automazione additiva

Arno Held di AM Ventures, definisce il 2019 come un anno difficile da predire, a causa della possibile ripercussione della Brexit sull’economia globale. Sarà sicuramente un momento decisivo per molte start-up, ma anche per alcuni colossi del settore manifatturiero additivo. La sua azienda punta allo sviluppo di nuove tecnologie, macchinari e materiali per l’applicazione dell’automazione additiva su vasta scala.

Soluzioni integrate per la Stampa 3D

Vyomesh Joshi di 3D Systems, indica il 2019 come un anno di svolta per la manifattura additiva applicata all’industria digitale che abbraccia soluzioni integrate: la direzione giusta è lo sviluppo di applicativi che consentano l’intero sviluppo di un progetto su di una singola piattaforma. Le imprese che decideranno di investire in questa direzione incoraggiando l’ampio utilizzo della stampa 3D, vedranno un miglioramento dei processi di produzione in ottica Agile (riduzione dei costi, ottimizzazione e semplificazione del workflow).

Stampa 3D con metallo

Secondo Kevin McAlea (Systems) l’industria della stampa 3D del metallo, si è estesa a nuovi settori tra cui: medico, aerospaziale e produzione energetica. Inoltre precisa che, nonostante la crescita esponenziale della tecnica rimanga una grande opportunità da cogliere per molti settori, questi sono ancora indietro nell’implementazione della manifattura additiva dei materiali metallici nelle proprie industrie. Ammette un probabile aumento di altri settori che possono andare in questa direzione, inoltre prevede un miglioramento delle tecniche e dei materiali utilizzati a supporto del processo produttivo. Spera di vedere sempre più aziende premiate per gli investimenti in tal senso.

Innovazioni nei materiali e nella post-produzione per la Stampa 3D

Phil Schulz (3D Systems) sostiene che l’anno corrente porterà due cambiamenti chiave nel campo della stampa 3D riguardanti:

  • Materiali: l’introduzione sul mercato di materiali che si comportano più similmente alle termo-plastiche, ovvero in grado di mantenere la temperatura raggiunta. Si otterrano così materiali meno fragili, più durevoli e, in grado di sostenere alte temperature.
  • Post-Produzione: lo sviluppo dell’automazione nel campo della manifattura additiva risulta essere un grande punto di svolta per l’industria della stampa 3D. Essa riguarda: rimozione di supporti, indurimento, pulitura e rifinitura del pezzo. Tutto ciò, permette alle aziende del settore di rendere più autonomi i propri clienti, permettendogli di progettare e stampare i propri modelli in modo autonomo, avvantaggiando così il cliente e fornitore.

Se vuoi scoprire altre previsioni degli esperti ti consigliamo: L’innovazione della stampa 3D nel 2019.

Oppure scopri l’articolo: Riconoscimento facciale: la stampa 3D inganna lo smartphone?